Home arrow Attualitā
Attualitā
Teofilo Stevenson: se 5 milioni di dollari non sono la felicitā Stampa E-mail

Se guardiamo la storia, solamente due campioni del ring hanno inciso in profondità nella società dove sono vissuti. Uno è Muhammad Alì-Cassius Clay per il quale negli Stati Uniti (che pure è un Paese spesso in guerra) è stata cambiata la legge sull’obiezione di coscienza. L’altro è il cubano Teofilo Stevenson che, pur avendo vinto già due Olimpiadi, nel ’72 e nel ’76, ebbe il coraggio, dopo i Giochi di Montreal, di rifiutare 5 milioni di dollari per passare al professionismo, e questo per affetto verso la sua terra e un credo profondo nella società dove viveva, quella di Cuba.

Stevenson, se n’è andato ieri da questo mondo ad appena 60 anni per un infarto. 

Leggi tutto...
IN MEMORIA DI ANTONIO GHIRELLI Stampa E-mail

da Il Fatto Quotidiano, 4 aprile 2012

Qualche anno fa Antonio Ghirelli, con l’umiltà e la grandezza dei veri maestri, era venuto a festeggiare alla Casa del Cinema i miei cinquant’anni di professione, in buona parte maturati con i suoi insegnamenti. Con lui, poiché il pomeriggio iniziava con un mio programma televisivo sul cinema di Francesco Rosi, c’era anche il regista di “Mani sulla città” e de “Il caso Mattei” e lo scrittore Raffaele La Capria. A un certo momento Antonio, che non ha mai amato la retorica, mi aveva sorpreso con un attimo di nostalgia: “Peccato che manchino Maurizio e Peppino. Maurizio non è mai stato in ritardo, semmai Peppino…”.

Leggi tutto...
Perdenti e contenti a sinistra Stampa E-mail
Articolo pubblicato su Il Fatto Quotidiano del 25 giugno 2011
Anche dopo il risultato esplicito delle amministrative in città come Milano, Napoli, Cagliari, e Trieste e dopo la devastante sconfitta (per il governo) nella consultazione referendaria su acqua, nucleare e legittimo impedimento, c'è chi a sinistra continua pateticamente ad attribuirsi i meriti della ribellione epocale espressa dalla società civile italiana e, dall'altra parte, nella destra, chi si affanna ancora a negare il significato, la portata di una sconfitta che ha messo Berlusconi e la stessa Lega con le spalle al muro.
La vittoria di un'Italia stanca ma non doma, completamente e palesemente sganciata dai partiti, perfino di parte del cosiddetto centro sinistra, anche dopo settimane, viene elusa, sminuita e c'è perfino chi, nella parte progressista, riprende a fare i soliti discorsi, quelli che hanno portato a tante sconfitte, cominciando dalla bicamerale, un inciucio che salvò dal baratro di seimila miliardi di debiti con le banche il Cavaliere Silvio Berlusconi, permettendogli addirittura di diventare il padrone d'Italia.
Leggi tutto...
QUESTO CALCIO ITALIANO, COSI’ CORROTTO E PERDENTE Stampa E-mail
Il Manifesto, 5 giugno 2011
Il nuovo scandalo scommesse, che atterra una volta di più il nostro asfittico calcio, conferma la vulnerabilità attuale della società italiana, incapace, anche nei settori come lo sport che dovrebbero essere più etici, di rispettare le regole, di “giocare pulito”, insomma di essere onesti.
Probabilmente scontiamo l’influenza nefasta di vent’anni di rapporti non sempre trasparenti fra le istituzioni e i cittadini, vent’anni ben rappresentati dal potere egoista e molesto di Berlusconi. Una stagione nella quale molti hanno creduto e credono di poter agire fuori da ogni rispetto delle leggi, di poter violare ogni regola di convivenza, tanto poi non succede nulla e chi è più spregiudicato alla fine non rischia pene.
Leggi tutto...
<< Inizio < Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Prossimo > Fine >>

Risultati 1 - 4 di 40
Chi č online
Abbiamo 37 visitatori online
GME Shop

Warning: mysql_fetch_row(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /web/htdocs/www.giannimina.it/home/stats/php-stats.recphp.php on line 466