Home arrow America Latina arrow Vargas Llosa: grande e ingeneroso
Vargas Llosa: grande e ingeneroso Stampa E-mail
Il Manifesto, 9 ottobre 2010
Per la qualità della sua opera letteraria, Mario Vargas Llosa il Nobel lo meritava già da tempo e invece ha dovuto aspettarlo, con molto rammarico, quasi trent'anni, da quando lo aveva vinto il suo amico di gioventù e poi avversario Gabriel García Márquez.
Non sono un critico letterario come la bravissima Francesca Lazzarato e quindi non mi permetto di giudicare lo stile e le differenze narrative  di questi due colossi della letteratura mondiale.
García Márquez, forse, ha avuto in più il merito di raccontare, da Cent'anni di solitudine in poi, le viscere di un continente e di aver reso linguaggio mondiale una prosa figlia del cinema neorealista.
Ma volendo essere franco ed evitare gli interessati distinguo di questi giorni, credo che Vargas Llosa, al quale è piaciuto frequentare la politica molto più di Gabo, abbia creduto molto meno nel riscatto della sua gente, nel rinascimento di un continente, l'America latina, che proprio ora, dopo feroci dittature militari e presunti e corrotti governi democratici, condizionati dal nord del mondo, vive la sua primavera. (...)

L’articolo completo potrà essere letto nel libro Politicamente scorretto 2 edito prossimamente da M. Tropea Editore.

 

< Precedente   Prossimo >
Chi č online
Abbiamo 24 visitatori online
GME Shop

Warning: mysql_fetch_row(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /web/htdocs/www.giannimina.it/home/stats/php-stats.recphp.php on line 466