Home arrow Attualitā arrow Quei giornalisti che in Iraq devono levarsi dai piedi
Quei giornalisti che in Iraq devono levarsi dai piedi Stampa E-mail
Il Manifesto, 7 Marzo 2005


A Eason Jordan, per 23 anni executive della CNN, era scappato dalla bocca durante uno dei panel ristretti del summit di Davos, il forum economico dei ricchi rivale di quello di Porto Alegre: “Le truppe in Iraq non vanno tanto per il sottile. Sono a conoscenza dei casi di 12 giornalisti uccisi deliberatamente dai soldati americani proprio in quanto reporter”.

Subito avevano tentato di smentirlo i cronisti embedded , quelli abituati a seguire la truppa e a “fare giornalismo” con le due cartelle che al tramonto gli vengono consegnate nel bieifing da un ufficiale dell'esercito d'occupazione degli Stati Uniti, magari accompagnate da un paio di fotografie e, se lavori nel settore audiovisivi, anche da un breve filmatino giudiziosamente emendato da ogni immagine inquietante, compiuta dall'armata che dovrebbe portare la pace.

Ma Jordan non è un operatore della comunicazione di primo pelo ed aveva vissuto gli anni d'oro della sua compagnia, quando la CNN era diventata, come ha ricordato Giulietto Chiesa, “il sesto membro permanente del Consiglio di Sicurezza dell'ONU”. Così, per orgoglio, tentò di sostenere che le sue parole “private” erano state mal riportate, anche se il problema del fastidio con cui le forze d'occupazione Usa vedevano i reporter, quello proprio non poteva smentirlo.

Per l' executive di una compagnia, già messa in crisi recentemente dalla disinvoltura e dall'aggressività della Fox TV di Murdoch, quella che ha fatto negli States la campagna elettorale per Bush jr., la dichiarazione rappresentava ormai un infortunio senza ritorno.

Così Jordan si è dovuto dimettere, pur con l'onore delle armi di tutta la CNN, che certo adesso è molto più malleabile di quando, solo venti anni fa, faceva tremare i presidenti degli Stati Uniti e non si rimangiava mai nulla.

Ora l'ex responsabile dei grandi eventi di attualità coperti da CNN pare sia andato a Thaiti a ritemprarsi, ma le sue parole a Davos, dopo l'uccisione da parte di una pattuglia dell'esercito degli Stati Uniti del funzionario del Sismi Nicola Calipari, che aveva appena liberato Giuliana Sgrena dai sequestratori iracheni, risuonano lugubri nelle orecchie di tutti coloro che non amano chiudere gli occhi di fronte a una realtà insensata come quella imposta in Iraq da un presidente degli Stati Uniti ostaggio delle multinazionali della guerra, del petrolio e dell'energia.

L'altro ieri i prestigiosi quotidiani nordamericani (Washington Post, ormai schierato col governo, New York Times e Los Angeles Times, timidamente dissenzienti) unitamente ai network televisivi che nel week-end, come ricordava Pantarelli, usano occuparsi solo del mondo dello showbusiness, avevano già accettato acriticamente le tesi dei comandi militari americani a Bagdad (“l'auto degli italiani andava troppo forte e non si è fermata a uno stop”), eludendo che il maggiore dei carabinieri aiutante di Calipari, ferito ma sopravvissuto come la Sgrena a quello che qualcuno potrebbe definire anche un agguato, aveva raccontato quasi in diretta telefonica al capo del Sismi Pollari, prima che gli sottraessero il cellulare “Ci hanno sparato addosso per alcuni secondi. Nicola è morto e ora ho un mitra puntato contro”.

Sono gli stessi organi di informazione i cui giornalisti (alcuni dei quali vecchi amici della mia giovinezza negli Stati Uniti) avevano confessato, subito dopo la guerra in Afghanistan “E' molto triste. Ci hanno intimato di non filmare morti, di non raccontare o far vedere la folla di profughi disperata che fuggiva in Pakistan. L'orgoglio e l'indipendenza del giornalismo investigativo nel nostro paese sono finiti”.

Ma sono anche gli organi di informazione che non hanno sentito il bisogno di alzare un dito dopo le dichiarazioni di Eason Jordan, che loro sanno bene essere vere.

Per questo era grottesco vedere molti politici italiani ieri alla televisione, mentre giustamente segnalavano l'eroismo di Nicola Calipari, ma non erano capaci di condannare la macchina infame che ha già causato 120 mila morti fra i civili iracheni (molto più delle orrende repressioni di Saddam) e una barbarie dove al terrorismo di Al Quaeda (in una nazione che una volta era laica e non era succube di integralismi religiosi), si risponde insensatamente spianando città come Fallujia e ora Ramadi, e ancora, torturando, ammazzando innocenti, perseguitando giornalisti o pacifisti. Anche una guerra, per quanto crudele, ha un codice di comportamento. Quel codice è saltato, senza possibilità di smentita in Iraq ed è avvilente che a decidere questo andazzo siano stati i rappresentanti del paese una volta leader delle democrazie occidentali. Il paese che, fra qualche settimana, chiederà, per esempio, alla Commissione diritti umani dell'Onu, come fa ritualmente, di censurare Cuba per i suoi 500 “prigionieri di coscienza”, ma ancora una volta eluderà di rispondere sugli esseri umani che tiene come polli nelle stie nella base di Guantanamo con accuse non provate di essere terroristi. Lo stesso paese che si rifiuterà di rispondere sui dossier della stessa Onu che lo inchiodano alle responsabilità riguardo ai 3000 cittadini desaparecidos per le leggi anti-terrorismo volute da Bush jr. dopo l'11 settembre. Cittadini dei quali le famiglie non sanno più nulla e che nessun avvocato può difendere. Lo stesso presidente qualche tempo fa, senza imbarazzo, ha detto “Molti di loro non ci possono più nuocere”. Non possono più farlo perchè sono stati fatti fuori senza processo? O perchè, come sta venendo a galla per merito di giornalisti non embedded , sono stati consegnati a servizi segreti di paesi alleati come il Pakistan del “dittatore buono” Musharraf o dell'Egitto “democratico” di Mubarak o dell'Arabia Saudita, antico alleato, fin dal tempo in cui la famiglia di Bin Laden era socia in affari del clan Bush?

Fa impressione la disinvoltura con cui un politico come Giovanardi o un analista come Magdi Allam tenta di sottolineare la svolta democratica che questa guerra crudele avrebbe portato in Iraq, ostentando delle elezioni alle quali dovremmo credere, pur se non c'era Jimmy Carter e la sua Fondazione (come in Venezuela) a garantire la loro regolarità, ma un ex asset della Cia come Allawi e un ambasciatore americano imbarazzante come Negroponte, quello che, quando dall'Honduras guidava la “guerra sporca” di Reagan contro la rivoluzione sandinista in Nicaragua, fu accusato di aver coperto ogni abuso e numerose violazioni dei diritti umani dei famigerati Contras . Erano in Iraq questi signori, a visitare i seggi, a verificare la regolarità delle operazioni nelle urne e poi del conteggio dei voti, reso noto solo dopo una settimana? O si fidano dei famosi filmati che gli operatori militari forniscono ai giornalisti embedded ? E comunque, anche in queste contraddittorie condizioni nelle quali i sunniti (il 20% del paese) hanno disertato le urne, risulta chiaro che i vincitori, cioè il blocco degli sciiti, chiedono soltanto una cosa: che le truppe occupanti se ne vadano. Ma per questi analisti a senso unico simili dettagli sono senza importanza.

Forse è proprio perchè un'informazione così improbabile possa continuare a prosperare impunemente che giornalisti scomodi come Giuliana Sgrena o come Florence Aubenas non devono stare tra i piedi a Fallujia o a Ramadi, e come loro tanti altri colleghi, finora ignorati malgrado la rivelazione di Eason Jordan, sono stati vittime della “democrazia” esportata in Iraq dalla guerra, pronta a togliere la vita anche a persone morali come Nicola Calipari, servitori dello stato capaci di restituire dignità e rispettabilità a un mestiere, talvolta discusso, come quello dei servizi di intelligence . Perchè, qualunque sia la verità, se si vuole eliminare un testimone scomodo, quale miglior occasione che quella di un errore dovuto a una non adeguata comunicazione? Tanto il povero Calipari è morto e non potrà smentire.
 

< Precedente   Prossimo >
Chi č online
Abbiamo 29 visitatori online
GME Shop

Warning: mysql_fetch_row(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /web/htdocs/www.giannimina.it/home/stats/php-stats.recphp.php on line 466